Lungo i sentieri
del Chianti

Passo dopo passo immersi nella bellezza della natura
e sulle tracce della storia, alla scoperta delle tradizioni rurali,
dei siti archeologici e dei sapori tipici in ogni tappa.

OUTDOOR / SPORT / NATURA / SLOW TRAVEL

04-VisitChianti-Cipresseta-cipressi-chianti-toscana-1480x1068

hianti e le sue antiche vie, alcune delle quali si riconnettono alla storia delle tradizioni spirituali, archeologiche e rurali di questa terra. Il Passo dei Pecorai, ad esempio, nel Comune di Greve in Chianti, è la testimonianza che tutto il Chianti era una terra di passaggio: alcuni itinerari ripercorrono quelle che per secoli sono state le vie della transumanza, dove i pastori conducevano le greggi e le mandrie a seconda della stagione, spostandosi tappa dopo tappa dal mite clima invernale della Maremma ai verdi pascoli primaverili del Casentino.

In pochi luoghi al mondo come in Chianti il paesaggio naturale diventa tutt’uno con la storia millenaria. Non sono pochi infatti i sentieri che conducono sulle tracce del Medioevo che proprio tra queste colline ha lasciato testimonianze profonde e ancora ben conservate. Camminare tra le colline di Castellina in Chianti e di Radda in Chianti permette di scoprire i borghi che in epoca medievale appartenevano, insieme a Gaiole, alla Lega del Chianti, la suddivisione politico militare voluta dalla Repubblica di Firenze per amministrare i propri territori.

"Un percorso di crinale che regala panorami indimenticabili e ritrovamenti antichissimi della civiltà Etrusca"

Tra Barberino Tavarnelle e Greve in Chianti, invece, alcuni sentieri collegano tre straordinari borghi medievali. Montefioralle è annoverato tra i borghi più belli d’Italia; il suo piccolo centro è racchiuso da una cinta muraria che custodisce le antiche case e il cassero che domina il colle dal quale è possibile godere di una meravigliosa vista. Nella campagna sottostante i sentieri corrono tra i vigneti e gli uliveti, tra i boschi sulla sommità dei rilievi e le case contadine sparse nei poderi. In pochi chilometri di cammino si arriva a scorgere il profilo delle mura merlate di una abbazia di grande bellezza. Badia a Passignano, risalente all’anno mille e rimaneggiata fino all’epoca rinascimentale, circondata da un’area naturale di boschi e con ampi spazi verdi che ne arricchiscono il fascino spirituale. Da questo complesso monastico intitolato a San Michele Arcangelo, i sentieri conducono a San Donato in Poggio, altro borgo medievale splendidamente conservato con le sue fortificazioni e il suggestivo “Torrino” di avvistamento ricavato nelle mura.

trekking-chianti

La posizione del borgo nell’antichità è sempre stata strategica, rispetto al percorso delle Vie Romee che portavano pellegrini, viandanti e commercianti verso Roma. E intatti dalla Porta Fiorentina e dalla Porta Senese, le due monumentali entrate che attraversano San Donato in Poggio, passa il loro antico itinerario che ancora oggi è possibile percorrere. La Via Romea Sanese collega i centri storici di Firenze e Siena, dove si riconnette con la Via Francigena, attraversando i borghi e le colline del Chianti con un percorso spesso di crinale che regala panorami indimenticabili e ritrovamenti antichissimi addirittura della civiltà Etrusca, come gli imponenti sepolcri di Montecalvario a Castellina in Chianti e del Poggino a Fonterutoli. L’intero trekking della Via Romea Sanese misura 80 chilometri e si divide in sei tappe; è sicuramente una delle più belle ed emozionanti traversate dal punto di vista storico e naturalistico, da assaporare passo dopo passo.

Scopri il Chianti,
naturalmente unico!

Al centro della storia tra Firenze e Siena, la campagna e i borghi del Chianti son ricchi di suggestioni e angoli da scoprire.

Scopri tutti i contenuti su

visittuscany logo
Scroll to Top