Itinerari d’arte
contemporanea

Oltre il Chianti più classico, partiamo alla scoperta dell'arte
contemporanea racchiusa nello scenario di borghi e colline.

CULTURA / NATURA / SLOW TRAVEL

13-VisitChianti-Parco Sculture del Chianti(1)

a Toscana, nota soprattutto per la bellezza del paesaggio e il grande patrimonio storico artistico che racconta del popolo etrusco e di epoche medievali, manifesta anche un'anima che guarda al contemporaneo. Muovendosi tra i borghi e le colline del Chianti non è difficile imbattersi in sculture che incuriosiscono e lasciano piacevolmente stupiti; numerosi progetti di arte contemporanea, infatti, hanno dato vita ad opere e installazioni firmate da artisti provenienti da tutto il mondo.

La prima testimonianza della nascita dell’interesse per l'arte contemporanea nel Chianti è dovuta all'opera del Conte Guido Chigi Saracini che, nel 1959, volle che il parco della sua villa a Castelnuovo Berardenga ospitasse lavori e sculture, appunto, contemporanee. Il compito fu affidato a Vico Consorti, e da quel momento tale tendenza artistica crebbe nel territorio per quantità e prestigio.

Numerosi artisti di fama nazionale e internazionale hanno lasciato tracce del loro passaggio, tra cui spiccano i nomi di George d'Almeida, Maro Gorki, oltre a quello del poliedrico Leo Lionni a Radda in Chianti. Qui dove visse e operò fino alla sua morte, si trovano sculture che rappresentano le suggestive e oniriche piante descritte nella Botanica Parallela, libro di Lionni in cui viene narrato un minuzioso immaginario ecosistema vegetale parallelo a quello reale. E’ possibile vedere il suo Giraluna in bronzo nel loggiato del Palazzo Comunale di Radda. Una sensibilità, questa per l’arte contemporanea, diffusa su tutto il territorio chiantigiano che consente di ammirare, per esempio,  a Greve in Chianti opere di Igor Mitoray, Fuad, Marcello Guasti e Valentino Moradei.

Uno dei maggiori progetti di arte contemporanea, che ha coinvolto tutti i Comuni del Chianti,  è Tusciaelecta, nato nel 1996 a Greve in Chianti allo scopo di integrare nel tessuto sociale e paesaggistico del Chianti opere eterogenee per tipologia ed estetica, accomunate da una progettazione in linea con il territorio circostante (www.tusciaelecta.org).

"Opere d'arte site specific firmate
da artisti provenienti da tutto il mondo
"

Girovagando per i borghi e i paesi non è difficile costruire percorsi e itinerari che conducono alla scoperta di opere come lo Stollo di Mauro Staccioli in piazza Vassallo a Greve in Chianti, che reinterpreta la tradizione contadina in un linguaggio moderno incentrato sulla vita di comunità.

Al visitatore in cammino, sulle tracce dell’arte di San Casciano, danno il benvenuto due opere monumentali di Mauro Staccioli, poste all’ingresso del paese, in via Cassia, e nei pressi della Torre di Luciana. Il viaggio on the hill prosegue e incontra i “segni” contemporanei della Fattoria La Loggia. Nel centro storico, sulle antiche mura, si stagliano il Cervo e la progressione di Fibonacci di Mario Merz. Poco distante la Torre del Chianti, alta 34 metri, è illuminata dall’interno da Bulk Project, opera di Patrizio Travagli. Una ricca collezione d’arte contemporanea valorizza una sezione del museo d’arte Giuliano Ghelli.

11-VisitChianti-@tusciaelecta-Merz-1997-domingie_216

Degno di nota anche il capolavoro di Silvio Loffredo nel giardino del Tramonto de La Romola.
Una sorta di caccia al tesoro è invece il lavoro di Cesare Pietroiusti, le cui
7 Targhe invitano ad esplorare altrettanti borghi del Chianti nella ricerca di ogni pezzo di questa “opera diffusa”.
Se invece si vuole trovare lo spirito del contemporaneo senza rinunciare ad una passeggiata nella natura, le possibilità sono:

  • il Parco Sculture del Chianti a Pievasciata, frazione di Castelnuovo Berardenga, dove il bosco ospita una mostra permanente di 26 installazioni costruite in armonia con il verde, tra le quali camminare con stupore e meraviglia.

  • Il percorso ad anello Slow Road che unisce Greve, San Cresci e Montefioralle, dove si può ammirare il perfetto sincretismo tra paesaggio e installazioni artistiche, in quello che si può definire un anfiteatro naturale.

 

 

 

Scopri il Chianti,
naturalmente unico!

Al centro della storia tra Firenze e Siena, la campagna e i borghi del Chianti son ricchi di suggestioni e angoli da scoprire.

Scopri tutti i contenuti su

visittuscany logo
Scroll to Top